Scrum Master: chi è, cosa fa e come diventarlo

Uno Scrum Master è un professionista che guida un team di lavoro, utilizzando la gestione con approccio Agile nel corso del progetto.

Si tratta di una delle figure professionali più ricercate del momento. Secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano dedicato al futuro delle professioni digitali, lo Scrum Master/Agile Specialist è al secondo posto tra i 5 ruoli più richiesti del 2022, preceduto solo dall’eCommerce Specialist e seguito da Social Media Manager, Chief Digital Officer e SEO/SEM Specialist.

Ma cosa fa di preciso uno Scrum Master? E qual è l’iter formativo per diventarlo?

Nel nostro Corso su Agile Management & Scrum Master, in collaborazione con gli esperti di Agile Made in Italy, forniamo una formazione verticale di alto livello, per specializzarsi in questa nuova disciplina: scopri il Programma e come candidarti sul nostro sito.

Indice

  • Chi è lo Scrum Master e cosa fa chi lavora secondo la metodologia Agile
  • Compiti e skills di uno Scrum Master
  • Come diventare Scrum Master
  • Differenze rispetto a un Project Manager “tradizionale”

Chi è lo Scrum Master e cosa fa chi lavora secondo la metodologia Agile

Uno Scrum master è un professionista che guida un team di lavoro, utilizzando tecniche di project management Agile. Il suo compito, quindi, è facilitare tutta la comunicazione e la collaborazione tra la leadership e i membri della squadra di lavoro, nelle varie fasi, per garantire un esito positivo del progetto, in termini di obiettivi, di qualità e di rispetto delle scadenze.

Scrum è un framework Agile per lo sviluppo di progetti complessi, spesso legati al mondo del software.

La metodologia di gestione Agile dei progetti utilizza brevi cicli di sviluppo, chiamati sprint, che si traducono nel miglioramento continuo di un prodotto o servizio. Esistono molti framework Agile: Scrum è un’opzione popolare per progetti in rapido mutamento, che hanno bisogno di release migliorative in tempi brevi, ragionando spesso in termini di MVP (minimum valuable product). Il cosiddetto MVP, ossia il “prodotto minimo funzionante”, è una versione beta del prodotto finale, che viene subito rilasciata per poter ricevere i primi feedback dagli utenti, in modo da poterla raffinare negli sprint successivi.

La metodologia è altamente collaborativa e richiede processi efficienti; i risultati e il progress del progetto, in termini di qualità e di rispetto delle scadenze, dipendono dall’esperienza dello Scrum master, che è il vero facilitatore e regista di tutto il processo.

Le metodologie agili sono nate nelle aziende tecnologiche, ma oggi gli Scrum Master sono richiesti in tutti i tipi di settori e per lo sviluppo di qualsiasi genere di prodotto o servizio.

Compiti e skills di uno Scrum Master

Cosa fa questo professionista durante la sua giornata di lavoro?

Dato che gli Scrum Master possono lavorare in molti contesti, i suoi compiti e le sue responsabilità possono variare. A seconda del contesto, può assumere il ruolo di facilitatore, coach o project manager.

Le mansioni spesso variano di giorno in giorno, ma generalmente includono:

  • Condurre incontri quotidiani (stand-up meeting), revisioni, dimostrazioni e altri incontri relativi al progetto
  • Supportare i membri del team nei loro compiti, nel rispetto degli standard di qualità e delle scadenze stabilite
  • Coaching del team sui principi e le best practices di Scrum
  • Facilitare la discussione aperta e la risoluzione dei conflitti
  • Identificare e risolvere i problemi in modo proattivo
  • Aggiornamento delle attività in uno strumento di monitoraggio della gestione dei progetti

Dovendo affrontare questi compiti, è bene avere alcune caratteristiche caratteriali e professionali che possono aiutare. Gli Scrum Master efficaci spesso hanno in comune una serie di abilità sul posto di lavoro, che possono ovviamente essere ampliate e sviluppate nel corso del tempo.

Ecco le principali skills che è importante coltivare:

  • Le capacità di problem solving aiutano a “navigare” in progetti complessi
  • L’adattabilità consente di apportare le modifiche necessarie per ottenere il miglior risultato possibile
  • Le abilità motivazionali consentono di tirare fuori il meglio dal team per migliorare la produttività
  • Le capacità di comunicazione permettono di collaborare in modo efficace con i membri del team e le parti interessate, anche con il board direttivo dell’azienda
  • Le capacità organizzative aiutano a gestire più attività, riunioni, risorse e priorità.

Come diventare uno Scrum Master

Il percorso professionale di chi vuole diventare un project manager Agile comprende requisiti educativi e una formazione specifica, alla fine del quale si ottiene la relativa certificazione.

Sebbene non sia strettamente richiesto, la maggior parte delle aziende preferisce candidati con una laurea in IT, gestione aziendale o un campo correlato al mondo dell’informativa, delle tecnologie o della gestione di progetti.

Un percorso verticale sulla materia è un’ottima soluzione: nel corso “Agile Management & Scrum Master” di ContaminAction University vengono approfonditi moduli specifici, dall’Agile Mindset al framework Scrum, dai valori del Manifesto Agile alle tecniche di prioritizzazione dei progetti.

Guadagnare una credenziale oggettiva del settore, come la certificazione internazionale SCRUM Master SMAC™ certification, è un altro modo eccellente per convalidare la tua conoscenza del framework Scrum nei confronti di potenziali datori di lavoro.

Differenze rispetto a un Project Manager “tradizionale”

La differenza fondamentale tra uno Scrum master e un project manager “tradizionale” sta nel loro focus.

I project manager si concentrano principalmente sugli elementi oggettivi e sul risultato finale del progetto, con un ruolo di primo piano per budget, tempistica, risorse e reportistica interna tra i team e il board direttivo. Laddove un project manager si concentra sul progetto, al contrario uno Scrum master si concentra sul team, adottando misure per garantire che il gruppo e i singoli membri del team raggiungano il successo, responsabilizzandoli e motivandoli.

Potremmo dire, in un certo senso, che l’approccio Scrum, per quanto estremamente analitico e ottimizzato, sia molto più legato al fattore umano rispetto al project management canonico, più orientato all’obiettivo in sé.